"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

Buongiorno cari lettori, 
oggi voglio parlarvi un piccolo libro che mi ha davvero affascinato. È "Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin, edito da Einaudi.



"[...] Però non sa che in Siberia, nel regno della Natura governato da Dio stesso, la vera nobiltà è proprio quella della gente povera e semplice, di chi conosce il rispetto per ogni cosa che si trova sotto il cielo e non proclama se stesso padrone del mondo."

Sinossi.

Ma la Siberia, nei racconti dei vecchi, è soprattutto un luogo mitico: terra di liberi cacciatori, allevatori e nomadi, fuorilegge e briganti, anarchici per eccellenza, che ripudiano qualsiasi forma di potere che tenda a incatenare l'uomo.

Perché leggerlo?

Quando ho visto il libro di Nicolai Lilin tra le nuove uscite disponibili su Ibs, copertina e trama mi hanno attirato subito. Adoro le favole e le leggende riguardanti le tradizioni di altri paesi e quindi "Favole fuorilegge" non poteva non finire nella mia libreria.
Sono 130 pagine di particolarissimi racconti e disegni-tatuaggi stupendi fatti dall'autore stesso.
Dimentichiamoci le nostre fiabe all'insegna dei buoni sentimenti, dove viene spesso ricercato l'happy ending. In quelle che il nonno narrava a Lilin, bene e male sono separati da un confine molto labile, e vendetta e cattiveria dominano la scena.
Quello che mi ha colpito molto è che la natura abbia un ruolo fondamentale nella tradizione siberiana. Alberi, corsi d'acqua e animali sono considerati e rispettati come fossero divinità.
"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin è un libro che contiene tantissimi insegnamenti, che nutre la curiosità di noi lettori e che ha fascino. Si ritrovano valori importanti come la resistenza al potere, l'onestà e l'amore, che ci vengono trasmessi tramite storie appassionanti e mai banali. 
La mia copia è costellata di sottolineature a matita e segnapagine perché le favole sono tutte meravigliose, ma una su tutte mi è rimasta impressa ed è "Perché i lupi ululano alla luna", che ho trovato "romantica", anche se in un modo tutto suo.
Innamoratevi anche voi della nuova opera di Nicolai Lilin, e se amate i tatoo o le culture diverse dalla vostra, state attenti: è una lettura che crea dipendenza!


P.s. Vi lascio con un video in cui l'autore parla della lingua segreta del tatuaggio siberiano...




Commenti

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

Recensione - "Nessuno può volare" di Simonetta Agnello Hornby