{ Recensione } "Tutte le stelle del cielo" di Angela Contini

Buon inizio settimana cari lettori!
Oggi vi porto con me nel Vermont, tra magnifici paesaggi e abbondanti nevicate, e vi farò conoscere la bellissima storia raccontata da Angela Contini in "Tutte le stelle del cielo".


"A Kyle, perché tutte le stelle del cielo illuminino la tua via e tu non ti perda mai."

Trama.

La vita di Kyle Hawkins è alla deriva. Quando viene arrestato per guida in stato d’ebbrezza, possesso di stupefacenti e molestie, il padre lo spedisce a Pretty Creek, nel Vermont, ad aiutare il nonno che ha un negozio di fiori. La provincia è l’inferno per Kyle che, senza amici, va nell’unico pub della cittadina a ubriacarsi; proprio lì lavora Katherine Hutchinson, la vicina di casa del nonno con mille problemi, innamorata di Kyle da sempre. Sarebbe meglio per entrambi stare lontani, ma Kathy è ancora attratta dal ragazzino di quattordici anni a cui ha dato il primo bacio, mentre l’attaccamento di Kyle alla ragazza diventa un modo per scacciare i suoi demoni... 

Perché leggerlo?

Ho adorato "Tutta la pioggia del cielo", primo capitolo della serie di racconti che Angela ha scelto di ambientare nel bellissimo Vermont. Le vicende di Victoria e Nath mi avevano commosso e, ancora oggi, a distanza di tempo, ricordo alcuni passaggi del libro che mi hanno colpito profondamente.
Anche stavolta l'autrice non mi ha deluso perché ci ha regalato una storia con due protagonisti che non hanno avuto una vita facile, ma che cercano in tutti i modi di non soccombere davanti agli ostacoli che incontrano.
Kyle per buona parte del romanzo vive il suo inferno personale, provando a combattere contro la dipendenza dall'alcool e trovando in Kathy un'ancora di salvezza. È un ragazzo spaesato, ormai privo della guida del fratello maggiore, e in preda a fortissimi sensi di colpa. 
Sarà impossibile non provare tenerezza per lui e tifare affinché trovi il modo di perdonarsi e di raggiungere la felicità.
Kathy invece è una ragazza cresciuta troppo in fretta, una roccia. Troppe persone dipendono da lei, sa che non può essere debole, e cerca disperatamente di incastrare vita lavorativa e familiare. E quando Kyle piomba di nuovo a Pretty Creek, la situazione diventa ancora più complicata...
"Tutte le stelle del cielo" è un libro emozionante, e non perché i protagonisti si perdono in assurde smancerie o gesti d'amore plateali, ma perché sono dei personaggi reali, che commettono errori, che soffrono, che amano.  Se avrete il piacere di affrontare questa lettura non potrete non affezionarvi a Kyle, al suo saggio nonno, e a Kathy, col suo dolcissimo Lucas. 
Il nuovo romanzo di Angela Contini non è un semplice romance, ma affronta anche temi importanti come l'alcolismo, la depressione e la morte di una persona cara (bellissimo il modo in cui ci viene presentato Austin), ma nel farlo è delicato e lascia trapelare la speranza, che ci accompagna fino alla fine del libro. 
Quindi non vi resta che correre in libreria e aggiungere "Tutte le stelle del cielo" alla vostra collezione, state certi che non vi deluderà!

Nel libro non mancano riferimenti alla musica, ma durante la lettura mi è venuta in mente una canzone che è un inno alla vita e che mi ha fatto pensare a Kyle, alla sua lotta interiore, e alla parole di Austin... 
I Lived - OneRepublic



"Hope that you fall in love 
And it hurts so bad 
The only way you can know 
Is give it all you have

And I hope that you don't suffer 
But take the pain 
Hope when the moment comes 
You'll say...

I, I did it all 
I, I did it all 
I owned every second 
That this world could give 
I saw so many places 
The things that I did 
Yeah, with every broken bone 
I swear I lived"


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

"Nessuno può fermarmi" di Caterina Soffici - Intervista all'autrice