{ Review Party } "Le mamme ribelli non hanno paura" di Giada Sundas


Buongiorno lettori, 
oggi festeggiamo insieme la Festa della mamma con una chiacchierata sul libro "Le mamme ribelli non hanno paura" di Giada Sundas, giovane mamma seguitissima sui social.
In fondo alla pagina vi aspetta una sorpresa, insieme ai link degli altri blog di questo Review Party!


"Mi sono accorta che gli insegnamenti più significativi te li ho trasmessi mentre non ti stavo insegnando nulla, perché per fare il genitore non bisogna fare, basta essere."

Trama.

Appena ha sentito un piccolo cuore battere dentro il suo, Giada ha cominciato a essere madre. Ma solo quando l’ha stretta tra le braccia quella vita è esistita davvero. Un attimo prima Giada era una persona, un attimo dopo un’altra e per sempre. Perché quando nasce un figlio si rinasce di nuovo. Si rinasce madri. Da quel giorno ha studiato tutti i manuali esistenti in commercio e ha ascoltato ogni consiglio. Affinché Mya, il suo dono più prezioso, fosse al sicuro, protetta, amata. Eppure non sempre tutto le veniva come era scritto in quei libri o come le avevano detto di fare. Ed è stato allora che ha capito una grande verità: che non esistono regole, leggi, dogmi imprescindibili. Il mestiere di madre si fa ogni giorno, si impara sul campo tra una ninnananna ricca di parole dolci e un rigurgito che rimane su una maglia per giorni. Tra un abbraccio che arriva inaspettato e cambia la giornata e un cartone animato che si odia perché lo si conosce ormai a memoria. Non c’è una ricetta, nessuno la conosce. Le risposte sono dentro ogni madre, sono lì, nel profondo dove risiede l’istinto. Dove vive e cresce l’amore più incondizionato che si possa provare. Dove non c’è bisogno di consultare nessuna enciclopedia per sapere cosa è giusto fare. È l’imperfezione l’unica verità. La morbidezza di un bacio sbavato, la tenerezza di un gioco improvvisato con una mollica di pane, la bellezza di un codino che non riesce a star dritto. Sono queste le magie che scaldano il cuore e fanno un figlio felice. Perché sono loro a insegnare che anche sbagliando si può volare, anzi, si vola ancora più in alto.

Perché leggerlo?

Il libro di Giada mi ha molto colpito, perché è vero quello che dice di lei Matteo Bussola, scrittore del bellissimo "Notti in bianco, baci a colazione": lei ha uno stile di scrittura molto naturale che emoziona il lettore e lo coinvolge lasciandolo in uno stato emotivo indefinibile, tra la commozione e l'ilarità. 
Pagine e pagine ricche di tenerezza, dubbi e battute per sdrammatizzare la situazione di neo genitori che brancolano nel buio, nel "disperato tentativo" di fare un buon lavoro. 
"Le mamme ribelli non hanno paura" è un romanzo che insegna a perdonarsi, perché nessun genitore ha un libretto di istruzioni che gli dia le dritte per diventare il migliore, per fare sempre la cosa giusta. E allora come fare? 
Giada ci racconta la sua esperienza, le sue sensazioni, gli errori che ha commesso con Mya, e le sue parole svolgono un'azione calmante perché rendono tutto estremamente normale. 
E infatti il messaggio principale che trasmette questo romanzo è che il mestiere di mamma (e papà) si impara solo cercando di allevare un figlio nel migliore dei modi, ed è ammesso sbagliare, non è mica un dramma!
Se siete mamme, lo sarete o volete diventarlo, vi consiglio di leggere "Le mamme ribelli non hanno paura" per imparare a non prendervi troppo sul serio e a ridere di voi stesse; ma vi suggerisco questa lettura anche se siete papà, perché nel racconto Moreno, il compagno di Giada, ricopre un ruolo importantissimo, e dimostra quanto, per alcune persone, diventare ed essere genitore sia la cosa più naturale del mondo.
E leggetelo anche se non rientrate nelle categorie citate sopra, vi assicuro che occhi lucidi e risate sono garantiti!



"Non so se sarò pronto mai 
prova a esser pronto tu per noi"


*****

NON PERDETEVI LE ALTRE RECENSIONI! ECCO L'ELENCO DEI BLOG COINVOLTI, 
VI BASTERA' CLICCARCI SOPRA! 







Commenti

  1. Non volermene ma non ce la faccio a commentare 25 recensioni ahahahah Però la tua mi è piaciuta un sacco: hai presentato i punto focali e i messaggi del romanzo, e ADORO la canzone che hai abbinato quindi dovrò assolutamente leggerlo con questa in sottofondo per creare la giusta atmosfera!
    Bacioni

    RispondiElimina
  2. Bellissima recensione! Brava Giorgia <3

    RispondiElimina
  3. brava giorgia, i tuoi motivi mi hanno convinto!
    Luigi Dinardo

    RispondiElimina
  4. Mi è piaciuto un sacco il libro della Sundas perché ha uno stile diverso da molti altri autori e ho apprezzato il fatto che, finalmente, qualcuno ha avuto il coraggio di dire che sì, essere mamma è bellissimo perché un figlio è il dono più grande ma ha anche un lato difficile da gestire perché è una situazione nuova e la paura di sbagliare è sempre tantissima e non per questo si è mamme meno brave.

    RispondiElimina
  5. bellissima recensione...bellissima canzone (amo ligabue) e bellissima copertina ...le gambette più belle che abbia mai visto!!!( a parte quelle che saranno di mio/a figlio/a...hihihih)
    partecipo molto volentieri …
    lettore fisso : patrizia gangi
    mail : patty_1986@hotmail.it
    ho risposto alla domanda del give sul blog diario di un sogno

    RispondiElimina
  6. Ciao! Bellissimo questo post, mi piace molto com'è organizzato!
    Concordo con te sui motivi per leggerlo, è davvero un romanzo che merita! <3

    RispondiElimina
  7. Un bel libro, io l'ho amato e apprezzato molto. E una bella recensione!

    RispondiElimina
  8. Bellissima recensione, essendo io madre lo leggerò con vero piacere!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

Recensione - "Nessuno può volare" di Simonetta Agnello Hornby