Recensione - "Bossman" di Vi Keeland

Buongiorno cari,
vi ho lasciati in pace per un giorno, ma oggi vi parlo di "Bossman", un altro libro che mi ha conquistata e che segna l'arrivo in Italia di un'autrice che ha conquistato il 1° posto sul New York Times, Vi Keeland.




"Non concentrarti su ciò che sarebbe stato. Concentrati su ciò che è."

Trama.

È durante il peggior appuntamento della sua vita che Reese incontra per la prima volta Chase Parker. Lei è nascosta nel corridoio del bagno di un ristorante e sta disperatamente chiamando la sua migliore amica perché la salvi da quella serata da incubo. Mentre lui, affascinante, brillante e sfacciato quel tanto che basta, sta ascoltando tutto. Dopo qualche battuta tagliente, i due tornano ai rispettivi tavoli. Reese è molto infastidita, eppure non può fare a meno di spiare di nascosto l'indisponente sconosciuto, seduto all'altro capo della sala. Quando improvvisamente lui si alza e si presenta al tavolo di Reese, è convinta che voglia smascherarla; invece, a sorpresa, lui si siede e, fingendosi un amico d'infanzia, si unisce a lei e al suo accompagnatore, che ancora non ha smesso di parlare della madre. D'un tratto la cena prende tutta un'altra piega. Ma, a fine serata, Reese è decisa comunque a ignorare l'interesse e l'attrazione verso l'intraprendente sconosciuto e a non rivederlo più. È convinta che sia un addio. In fondo, quante possibilità ci sono di imbattersi di nuovo in Chase Parker in una città di otto milioni di persone? Ma soprattutto... quante probabilità ci sono che lui finisca per essere il suo capo un mese dopo? La vita saprà sorprendere Reese con una tentazione irresistibile e una struggente prova d'amore.

Perché leggerlo?

La cover sexy potrebbe ingannarvi e farvi credere che il romanzo di Vi Keeland sia semplicemente carico di sensualità e raccontato con un linguaggio abbastanza colorito. Decisamente no, non ci siamo! "Bossman" è stata una bellissima sorpresa perché sì, Chase è decisamente un figo pazzesco che sa di esserlo e che sin dall'inizio cerca in tutti i modi di conquistare Reese, ma la storia va oltre la sua bellezza e le sue tattiche di corteggiamento.
C'è molto di più da scoprire su entrambi i protagonisti. In alcuni capitoli ci viene rivelato il passato di Chase e così comprendiamo che dietro la sua sicurezza di uomo bello e in carriera, si cela un passato doloroso, che non tarderà a riaffacciarsi sulla sua vita. Ma anche Reese non è solo una ragazza che cerca di ritrovare la passione per il proprio lavoro; lei e suo fratello Owen hanno infatti vissuto un'esperienza traumatica che li ha segnati per sempre.
La coppia di Chase e Reese mi ha rubato il cuore: sono ironici, intelligenti, dolci, fragili e coraggiosi. 
Avrete capito che la strada verso l'happy ending non sarà facile, e, se siete sentimentali come la sottoscritta, dovrete mettere in conto occhi lucidi e aria sognante.
Con "Bossman" si ride, ci si commuove e si "tifa" per i protagonisti affinché sconfiggano i demoni del passato. Cosa volete di più? Se siete delle inguaribili romantiche, un libro così coinvolgente non potete non leggerlo! 

La canzone con la quale vi lascio viene canticchiata da Reese che con la musica ha un rapporto davvero singolare...vedrete...



Comfortably numb - Pink Floyd

"I hear you're feeling down
I can ease your pain
And get you on your feet again"

Commenti

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin

"Nessuno può fermarmi" di Caterina Soffici - Intervista all'autrice