Recensione - "Io e te come un romanzo" di Cath Crowley

Buongiorno cari lettori,
stamattina parliamo di un libro che io attendevo da mesi tanto che, devo ammetterlo, l'ho letto prima in inglese e poi l'ho riletto in italiano una volta che, grazie ad un magnifico progetto, ho potuto tenere tra le mie mani la copia italiana.

L'iniziativa di cui parlo è quella di bookcrossing organizzata su scala nazionale da Team World e Dea Planeta Libri e che trovate spiegata nei minimi dettagli a questo link. È stata un'esperienza magnifica ed elettrizzante e spero che venga ripetuta!



"Siamo i libri che leggiamo e le cose che amiamo."

Trama.

Ci sono ferite che non si rimarginano, giorni che non si dimenticano. Come quello in cui il cuore di Rachel si è spezzato per la prima volta. È una notte d’estate, e lei sta per trasferirsi dall’altra parte del Paese. Nelle ore che restano prima della partenza vuole dire addio a tutto ciò che sta lasciando: la scuola, gli amici e, più di ogni cosa, Henry Jones, il ragazzo che conosce da sempre, con cui ha condiviso le letture, i sogni, le paure e le passioni. Così, Rachel entra furtivamente nella libreria gestita dai Jones e infila una lettera tra le pagine del libro preferito di Henry. Una lettera in cui gli confessa il suo amore, un messaggio in bottiglia lanciato in un oceano di parole, a cui lui non risponderà mai. Sono passati tre anni, e quel giorno sembra appartenere a un’altra vita perché Rachel, nel frattempo, ha perso il fratello; e lei non è che l’ombra di quel che era. Il dolore la soffoca, e sembra che l’unica via d’uscita sia tornare a casa e riavvicinarsi alle cose che ama di più: la libreria e Henry. I due iniziano a lavorare fianco a fianco, circondati dai libri, confortati dalle voci senza tempo di scrittori e poeti. E, mentre tra gli scaffali impolverati si intrecciano le storie di un’intera città, Henry e Rachel si ritrovano. Perché non c’è posto migliore delle pagine di un libro per ritrovarsi. 

Perché leggerlo?

Non vi dirò molto su questo romanzo perché sono convinta che vada letto e fatto proprio.
La mia copia è completamente sottolineata, ha delle belle orecchie alla pagine che mi ricordano i passaggi che ho adorato e verrà conservato con cura in un angolino della mia libreria, al riparo da occhi indiscreti.
Sarebbe superfluo anche parlarvi di ciò che ho provato durante la lettura dato che credo che dobbiate essere voi stessi a lasciarvi trascinare dalla storia, per cui mi tratterrò e mi limiterò ad elencarvi 3 motivi per cui leggere assolutamente "Io e te come un romanzo".

Il primo è sicuramente l'amore per i libri: grazie ad essi i personaggi si innamorano, prendono coscienza dei propri desideri, ragionano, scoprono importanti verità e imparano ad apprezzare la vita. Sarebbe bellissimo se tutti noi potessimo rifugiarci in una libreria come quella dei Jones, dove poter trovare la pace e sentirci al sicuro.
In secondo luogo, il romanzo della Crowley è indimenticabile anche per i protagonisti. Henry e Rachel sono un concentrato di tenerezza e fragilità e ti arrivano dritti al cuore. Vorresti riuscire a consolare Rachel per la sua perdita o dire ad Henry, un magnifico ragazzo che adora i libri e la poesia, di lasciar perdere quella cretina di Amy. Stai lì, incollato alle pagine, segui i loro discorsi, li vedi "riscoprirsi" dopo anni di lontananza e riesci persino a percepire i loro sentimenti.
E infine, penso che lo stile di scrittura dell'autrice sia la chiave della riuscita di questo libro. Usa un linguaggio semplice come si addice alla giovane età dei protagonisti, non si dilunga in descrizioni, non aggiunge melense frasi ad effetto.
"Io e te come un romanzo" è semplicemente bellissimo! È delicato, vero, commovente e divertente. Vi ruberà il cuore, ve lo garantisco!


Penso che "Your Song" di Elton John sia perfetta per descrivere i sentimenti di Henry e Rachel, quindi buon ascolto!




"It's a little bit funny, this feeling inside
I'm not one of those who can easily hide, I
Don't have much money but boy, if I did
I'd buy a big house where we both could live."



Commenti

Post popolari in questo blog

{ Recensione } "Eppure cadiamo felici" di Enrico Galiano

Recensione - "Nessuno può volare" di Simonetta Agnello Hornby

"Favole fuorilegge" di Nicolai Lilin